info@bebdileo.it  |  Francesca: 338.1909644

Storia e Territorio

barralimoni

IL PAESE DEI LIMONI

Siamo nel “paese dei limoni”, qui infatti si produce un limone eccezionale, per il profumo intenso, la succosità e la facilità con cui si sbuccia. Dalla buccia si ricavano particolari essenze per l’elaborazione di liquori  come il limoncello e dolci. Il giusto equilibrio tra sostanze aromatiche e acidità del succo e la totale assenza di semi lo rendono pregiato rispetto ad altre cultivar.

barramare

LA MARINA DI ROCCA IMPERIALE

Bagnata dalle acque del mare Jonio, per sette km di spiaggia alternata da scogli, ciottoli e fine sabbia dorata, verso il confine Lucano, la marina di Rocca Imperiale, distante pochi chilometri dal centro storico, è meta ideale per gli amanti della vacanza balneare.

barrarocca

STORIA E TERRITORIO

Il patrimonio architettonico e storico, la civiltà, il clima, le bellezze naturali del mare e la qualità delle acque,
la ricchezza della collina e della montagna retrostante, la posizione geografica tra il Parco nazionale del Pollino, la piana di Sibari e l’area del Metapontino, fanno di  Rocca Imperiale una tappa imperdibile della vacanza in Calabria.

 

A metà dell’arco che circoscrive il Golfo di Taranto, quattro km circa distante dal mare, a meno di 200 metri di altitudine, su un colle degli Appennini, sorge sontuosa Rocca Imperiale. Le case disposte a gradinata ai piedi della fortezza che gli diede il nome, i viottoli, le ripide salite di accesso alla sommità, il campanile vetusto e la severa mole delle costruzioni militari, le donano l’aspetto di un borgo medievale ingentilito dal progresso. Il panorama che si gode da qui spazia dal Mar Jonio, al susseguirsi di declivi ed avvallamenti dei monti per sfumare sulle alture salentine fino alle zone archeologiche di Siri, Eraclea, Pandosia e Metaponto, culle della prima civiltà Italica. Data l’importanza militare del luogo, Federico II volle erigervi un Castello che al fine principale difensivo unisse il compito di dare asilo alla Corte negli spostamenti e nelle partite venatorie alle quali il territorio era adattissimo.
Il Castello Svevo oggi  superbamente restaurato, è  visitabile tutto l’anno.